Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Rwanda sponsor dell’Arsenal

Lo scrittore inglese Nick Hornby ci ha scritto un libro per raccontare la sua fede calcistica per l’Arsenal. Non è il solo tifoso celebre della squadra londinese. Anche il presidente del Rwanda Paul Kagame tiene per “i gunners”. Il paese africano anche il prossimo anno sarà tra gli sponsor dell’Arsenal. Sulle magliette dei “cannonieri”, oltre al main sponsor Emirates, sul colletto apparirà il logo Visit Rwanda. In cambio il Rwanda pagherà 40 milioni di dollari. Diversi paesi donatori tra cui l’Olanda hanno criticato la scelta di Kagame di sostenere con una sponsorizzazione milionaria la sua squadra preferita, ricordando che il Rwanda nel 2016 ha ricevuto tra aiuti internazionali e programmi di sviluppo più di 1 un miliardo di dollari. “Non sono affari loro”, ha commentato il ministro degli Esteri del Rwanda, Olivier Nduhungirehe. Il turismo è la prima fonte di ricavi valutari esteri per il Paese africano, un settore che dai 400 milioni di dollari dello scorso anno punta a raggiungere gli 800 milioni di dollari nel 2024. Secondo i dati Onu più del 60% della popolazione in Rwanda vive ancora al di sotto della soglia di povertà. L’Arsenal non ha confermato il valore della sponsorizzazione. Il portavoce della sqaudra di calcio ha spiegato che sono fieri di portare sulla maglia il simbolo del Paese dell’East Africa, un paese che si è saputo “trasformare negli ultimi anni ed ora è uno dei più avanzati e rispettati paesi africani”.

  • m.b.ghilotti |

    Visit Rwanda promuove un business da 440 milioni di dollari di fatturato con ampie prospettive di ulteriore sviluppo. La sposorizzazione va quindi giudicata secondo criteri che regolano qualsiasi gestione aziendale.Per avere un’idea del comparto turistico del Rwanda e delle sue potenzialità, si veda quanto scritto ne Aiutiamoli a casa loro Il modello Rwanda cliccando qui:https://alberwandesi.blogspot.com/2018/06/ingiustificate-le-critiche-alla.html

  Post Precedente