Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sierra Leone senza Ebola

La Sierra Leone festeggia aspettando che l’Organizzazione mondiale della sanità dichiari il Paese ufficialmente libero dall’Ebola. L’annuncio è atteso per oggi, sabato 7 novembre, dopo 42 giorni trascorsi senza che sia stato segnalato nessun nuovo caso di infezione. Negli ultimi 18 mesi l’epidemia ha ucciso nello Stato africano quasi 4 mila persone, con oltre 14 mila contagi. Aspettando la dichiarazione dell’Oms – riporta la Bbc online – allo scoccare della mezzanotte migliaia di cittadini sono scesi nelle strade della capitale Freetown. Gruppi di donne hanno organizzato un corteo che si è snodato attraverso il centro della città, per arrivare a una rotonda dove sorge un enorme albero di cotone vecchio 600 anni. Fra le danze e le manifestazioni di gioia, sono state accese candele in memoria delle vittime della più grande epidemia di Ebola mai registrata. I loro nomi sono stati proiettati su uno schermo, con menzioni particolari per gli operatori sanitari che con coraggio e abnegazione hanno sacrificato la vita per assistere i malati. In centro anche una processione guidata da una banda miliare. In settembre anche la Liberia (4.800 vittime) è stata dichiarata Ebola-free, mentre alcuni contagi sono stati ancora segnalati in Guinea. Complessivamente, nei Paesi dell’Africa sub-sahariana colpiti dall’epidemia sono stati registrati oltre 28 mila casi con più di 11 mila morti.