Reportage. Viaggio a Fontem

Molti lettori me lo hanno chiesto. Per questo di seguito ripubblico, completo, il diario del mio viaggio in Cameroun pubblicato giorno dopo giorno su questo sito. Grazie per l'attenzione. Riccardo Barlaam


La neve nelle scarpe. E le valige piene. Nevica quando esco di casa, alle 4.30 del mattino, una fredda mattina di fine dicembre 2008 in Lombardia. Mi salutano dei piccoli fiocchi di neve ghiacciati. Buffo. Dove andrò ci sarà caldo. Tanto caldo. Più di trenta gradi, anche di notte. Le valigie sono piene di tante cose: computer – 4 piccoli net book nuovi di pacca, mouse, pen drive, un registratore digitale e dei microfoni per la radio locale. Nell'altra borsa rossa, enorme, ci sono decine di bambole e le automobiline che mi hanno dato i bambini della scuola elementare di Cassinetta di Lugagnano, salami e formaggi. Destinazione Africa. Cameroun. Doula prima e poi Fontem, dopo due giorni di viaggio, un villaggio in mezzo alla giungla, nella parte ovest del Paese. Zona verde. Lussureggiante, così mi hanno detto. Piena di acqua e di umidità che ti entra nelle ossa. A Fontem, dove non arriva neanche il segnale della tv e della radio camerunense da qualche settimana hanno attivato un collegamento satellitare a Internet grazie a un progetto di una ong, l'Amu, la tecnologia dell'Esa e il contributo delle Regioni Lazio e Toscana. Proprio a Fontem, profonda Africa rurale, esempio di cultura tradizionale africana preservata, terrò un Corso di giornalismo per giovani reporter africani. Con loro, assieme a loro, daremo ufficalmente il via ad AfricaTimesNews, un sito di notizie in tempo reale dall'Africa in inglese. E' un frutto, piccolo, del premio Baldoni che quest'anno mi hanno assegnato per il blog che state leggendo. Giorno dopo giorno vi racconterò le tappe del mio viaggio in Camerun. Cercherò di raccontarvi, la polvere nelle scarpe, i posti e le persone che incontrerò durante queste settimane. Appuntamento a domani (Internet permettendo).

Jean Leon

Il volo per Douala, la capitale economica del Cameroun, parte da Bruxelles con – tanto per cambiare – la Bruxelles Airlines, vettore che ha molte linee dirette verso l'Africa. I voli in questo periodo sono pieni. Di gente che torna a casa. Africani trapiantati in Europa per lo più, che sono diventati europei ormai. Arrivati qui per un lavoro. Ma che tornano ancora a quella che per loro resta la casa. Anche loro come me con altrettante valigie piene di altrettante cose da lasciare lì. Il mio posto in aereo è accanto a un signore ben vestito che legge su Le Soir, le ultime notizie sull'attacco israeliano a Gaza. Indossa una croce di legno sul pullover, ma non sono sicuro si tratti di un sacerdote perché per il resto il suo abbigliamento è completamente “laico”. Commentiamo in francese l'orribile risultato del raid israeliano. Le fotografie della caserma della polizia dell'Autorità nazionale palestinese dove una bomba ha ucciso 40 reclute, giovani dai 20 ai 24 anni, che stavano nel cortile. Le foto mostravano corpi dilaniati, brandelli di carne, sangue sulle loro divise blu. Ragazzi che studiavano per diventare poliziotti. E non terroristi di Hamas come recita la propaganda mediatica israeliana che ha tanto credito anche sui quotidiani occidentali. Sui giornali queste foto non sono state pubblicate. Troppo forti. Troppo sangue. E' una forma di censura sopraffina evitare la pubblicazione di immagini raccapriccianti. E' la realtà. Purtroppo. C'è poco da nascondere. Cerco di spiegare il mio punto di vista al mio vicino di poltrona in francese. A un certo punto gli chiedo dove vive in Europa. Lui, sempre in francese, mi risponde “à Rome”. Buffo. Scopro che Jean Leon è un sacerdote congolese che vive a Roma, si sta per laureare alla Università lateranense. E conosce benissimo Martin Nkafu, mio amico camerunense, che insegna allo stesso ateneo, che ha organizzato assieme a me la scuola di giornalismo a Fontem, destinazione del mio viaggio, in mezzo alla foresta tropicale. Jean Leon mi racconta della sua vita. Di come ormai, dopo 25 anni in Italia, si senta legato a Roma. Del suo lavoro prima in una parrocchia di periferia. E ora in una casa di riposo per anziani ad Acilia, paese pontino disteso tra I colli romani e il mare. Quando parla dei “suoi” vecchi si illumina. “Ho inventato la benedizione delle carezze. Ogni sera prima di dormire, si mettono fuori dalla mia stanza in fila perché vogliono che li vada a salutare. E così passo davanti a ognuno, li accarezzo, gli do la buonanotte e li benedico”. Come dei bambini. ”Non ho potuto raccontare che partivo per l'Africa per due settimane. Non mi avrebbero lasciato partire. Gli ho detto una piccola bugia, che dovevo andare a fare gli esercizi spirituali. Così mi hanno lasciato andare”. Jean Leon nel Sud del Congo, in questi anni, attraverso una sua fondazione no profit e l'aiuto di tante famiglie romane, ha dato una scuola e un posto dove dormire a circa 2mila bambini. Mi mostra le foto della sua missione, di un mulino a benzina che permette alle donne di avere la farina senza battere più a mano i chicchi di grano: facevano una fatica immensa, ore e ore a battere con il legno nei mortai per avere un po' di farina per fare il pane. Gli parlo del mio progetto. Della scuola di giornalismo e dell'idea pazza di creare un sito all news africane in inglese attraverso una rete, un network di giornalisti africani indipendenti. Mi offre la sua disponibilità e quella di un giovane giornalista locale a collaborare con AfricaTimesNews dal Congo, uno dei posti piu' turbolenti del mondo in questo periodo. Mi torna in mente il titolo di un libro, neanche tanto bello, di Richard Bach, l'autore del gabbiano Jonathan Livingston. Il libro si intitola: Niente per caso. Già, Niente per caso. Ora Jean Leon vorrebbe aiutare i ragazzi congolesi ad aprire una falegnameria. Non hanno né macchine e nemmeno la corrente. Mi mostra le foto del loro lavoro, tutto a mano. A partire dai tronchi tagliati. Fino ai tavoli e alle poltrone. Niente per caso. A Fontem proprio in questo periodo c'è Mario Vismara, un volontario di Varese, falegname in pensione, che ha portato giù, in Cameroun, le macchine per lavorare il legno. Ci siamo sentiti qualche giorno fa, prima della sua partenza. “ormai vado solo a vedere cosa fanno, hanno imparato così bene il lavoro del falegname che non hanno più bisogno di me”, mi ha detto. Racconto questa storia a Jean Leon. Gli prometto che cercherò di convincere Mario ad andare in Congo l'anno prossimo per tenere una scuola di falegnameria anche lì. Magari, insieme a lui, riusciremo anche a trovare i soldi per comprare le macchine utensili. Niente per caso. (2 – segue).

Douala

A Douala, appena atterrati, la prima cosa che ti accoglie è il caldo. A Malpensa nevicava. Qui c'è un caldo umido che ti si appiccica addosso. Metto la giacca a vento e il maglione nello zaino. Resto a maniche corte ma continuo a sudare. Dall'alto la città somiglia a tutte le megalopoli africane. Una distesa estesa di case e casupole basse inframezzate da strade e avenue. La periferia si riconosce perché le strade diventano rosse di terra. Verso il centro si allargano in viali percorsi da file di auto. Douala, tre milioni di abitanti, è la capitale economica del Cameroun. Un po' come Milano e Roma. Così è qui. A Yaoundè c'è la capitale amministrativa, i palazzi del potere, qui ci sono le attività economiche e i soldi. Ma non abbastanza, evidentemente, perché oltre al caldo un'altra cosa che colpisce è che si viene assaliti da portantini e ragazzi che si offrono per trasportare i bagagli in cambio di qualche euro. Lo stipendio medio di un impiegato è di circa 100mila franchi camerunensi che equivalgono a più o meno 40 euro. Così, un euro guadagnato portando le valigie a qualche sporadico turista, missionario o uomo d'affari, è tanto per questi ragazzi. Ricchezza facile e a buon mercato, senza troppa fatica. Faccio fatica – io sì – per cercare di evitare il loro assalto. Sono molto gentili. DSCF2227
Un po' insistenti però e non demordono neanche quando gli dico che c'è una persona che viene a prendermi. A dire il vero non so se ci sarà davvero. Martin prima di partire mi aveva detto che sarebbe venuto qualcuno. Ma ancora non so. E al primo tentativo di chiamarlo, il telefonino non risponde. La sala con i nastri trasportatori dove arrivano le valigie sembra una bolgia o un mercato. Piena zeppa di gente, di portantini, militari, carrelli, turisti che aspettano, suore spagnole, africani che tornano a casa. Ci sono solo due voli in arrivo a Douala ma sembrano 100 dalla gioiosa confusione che regna. In alto, sulla balconata ci sono gruppi di persone in attesa che guardano lo spettacolo. Attendo le mie valigie che sembrano non arrivare mai. Sono teso perché temo che i computer contenuti in una di queste possano perdersi per strada… Sono teso anche perché devo ancora passare la dogana, ammesso che le valigie arrivino. E i poliziotti camerunensi non sono famosi nel mondo, per così dire, per la loro onestà specchiata e il senso del dovere. Non si fanno problemi davanti a un europeo che arriva con le valige piene. Anche qui. Un modo per arrotondare lo stipendio: possono tenerti fermo anche un giorno-due prima di decidere di rilasciare il tuo bagaglio. Ovviamente in cambio di un po' di soldi. Finalmente riesco a parlare con Martin. Mi dice che verrà a prendermi Biagio, un italiano, insieme a Paul del Cameroun. Gli parlo del mio timore. Di quella fatidica uscita doganale, nella bolgia infernale che è la sala bagagli dell'aeroporto. Martin mi consiglia di non muovermi. Di aspettare le valigie, che prima o poi arriveranno. “Succede sempre così qui”, mi conferma un ragazzo camerunese trapiantato a Parigi. E in effetti dopo circa 30 minuti, al terzo o quarto carico, finalmente, la bocca di gomma del nastro trasportatore sputa le mie valigie. (3 – segue)

A tavola, il mondo unito

Biagio è venuto a prendermi dentro l'aeroporto. Ha provato con i 2-3 bianchi che c'erano in giro prima di me. L'ho riconosciuto io per primo, anche se non sapevo che faccia avesse. Mi sembrava che stesse cercando qualcuno. Gli ho alzato le mani e lui, come un angelo, mi ha preso e mi ha portato fuori dall'aeroporto. I poliziotti non hanno fatto storie. Biagio ha tirato fuori un tesserino da missionario. Anche se non fa il prete. E' un missionario laico, un medico. Viene dalla Puglia, di cognome fa Sparapano. Conserva un po' di accento pugliese che lo avvicina al mio abruzzese, che a mia volta conservo. Sono 30anni che vive in Africa. E ormai, nonostante la sua faccia bianca, è più africano che italiano. E' stato 25 anni circa in Costa d'Avorio e da quasi 5 anni è a Douala. Lavora in un ospedale pediatrico. E vive in comunità laica davvero speciale. Con altri missionari laici, come lui, ma africani. Damian, studente in filosofia, del Congo, il già citato Paul, camerunense di Bamenda, che ha studiato contabilità prima di scegliere di vivere così, e Jovin del Burundi, tifoso della Roma e di Totti, che fa il libraio con Dick, che invece viene dalla Nigeria. Damian viene da Goma, la città presa d'assedio dai ribelli del generale-pastore Laurent Nkunda: “Ci sono i miei genitori a Goma, riesco a sentirli di tanto in tanto. La situazione è ancora difficile”. Nkunda è appoggiato dal Rwanda di Paul Kagame. E dietro lo scontro con l'esercito regolare congolese e la scia di sangue che ha generato si nascondono le ambizioni espansive di Kagame e gli interessi economici per il controllo delle materie prime. Sedersi con loro a tavola è come stare in un mondo, in piccolo, unito. Un'altra faccia dell'Africa che non si vede, che fa non fa notizia come i morti ammazzati. Ma che esiste. E parla di speranza. (4 – segue)

La strada verso Fontem

Al mattino, di primo mattino, la città è già in movimento. Lungo la strada, di fronte alla casa che mi ospita, due ragazzi lavano le auto parcheggiate: è un negozio all'aria aperta di auto usate. Gli street market, i mercati di strada, caratterizzano il paesaggio urbano di Douala. In tutta l'Africa è lo stesso. Di solito sono piccole case, di una stanza, con insegne coloratissime dipinte a mano, che vendono di tutto. Gli street market sono divisi per quartiere. Questo è quelle delle auto usate. Più avanti, nel viale di fronte, c'è quello delle moto, quasi tutte cinesi. E poi c'è quello coloratissimo, con i carrellini di ferro a due ruote, e le moto e un grande viavai di gente, dove si vendono frutta e verdura. Continuando si incontrano negozi di telefonini, computer e poi, sempre lungo la strada, con una lunga esposizione all'aperto, quelli che vendono poltrone, divani, armadi da salotto. Tutte in puro legno africano. Con le stoffe variopinte di ogni foggia. Zebrate, tigrate comuque a tinte forti. Un gigantesco cartellone pubblicitario nel centro di una rotonda molto trafficata reclamizza l'ultimo tipo di Blackberry arrivato anche qui: “Il telefono per l'uomo d'affari africano”. Da poco è in vendita anche in Italia. Per andare da Douala a Fontem, un piccolo villaggio in mezzo alla foresta tropicale, luogo d'arrivo del mio viaggio, ci sono circa 600 chilometri: 560 di strada asfaltata, gli ultimi 40 di strada – se così si può chiamare – sterrata. Di terra rossa e di buchi e di polvere che ti entra dappertutto. Paul, camerunense di Bamenda, ha vissuto diversi anni in Italia. Un diploma da ragioneriere nel cassetto, la passione per il ciclismo, lo sguardo fiero, mi accompagna con la jeep a prendere il pulman. E' abituato a districarsi nella società camerunense e nel traffico di Douala. Traffico caratterizzato da interminabili file di auto sulla strada del litorale vicino al mare. E soprattuto dai mototaxi, le moto con le quali la gente comune si muove, a poco prezzo. Ci vanno in tutti i modi su queste moto: in due, in tre, in quattro persone con un bambino davanti, oppure con le merci caricate dietro e davanti a mo' di camion. Ovviamente senza casco. Fa troppo caldo. “La vita qui è una lotta. Tutti lottano”, dice Paul. Una lotta per sopravvivere. Il Cameroun è un Paese relativamente tranquillo. Da più di 20 anni governato  dallo stesso uomo, il presidentissimo Paul Biya, un presidente eterno. Il Paese è immobile. Annegato nella corruzione. Se sei legato alla casta del presidente, se conosci qualcuno, forse riesci ad avere successo. Altrimenti devi lottare per avere tutto. Il Cameroun è un paese bilingue: dopo la sconfitta dei tedeschi nella prima guerra mondiale le colonie tedesche passarono alla Gran Bretagna e alla Francia. Così oggi qui tuttDSCF2086
i parlano alla perfezioni inglese e francese. E sono costretti a studiare, a prendere una o due lauree nell'attesa (e nella speranza) di trovare un lavoro. Alla fine molti sono costretti e emigrare. Il pulman per Dschang, la prima tappa di oggi, parte dalla periferia di Douala. Mi accompagnerà Armand, un giovane camerunese che ha appena terminato la scuola di giornalismo a Douala. La fermata è uno spiazzo in terra battuta. Terra grigia, polvere e sole. Siamo in anticipo. E Armand deve ancora arrivare. Siamo assaliti dai venditori di strada. Lo saremo per tutto il viaggio, a ogni sosta. Le persone che come me vanno verso Ovest, verso la foresta, verso l'Africa dei villaggi (dalla città alla campagna, diremmo noi) tornano con le borse piene. Sono l'unico bianco sul bus. Un puntino bianco in un foglio nero. Biagio ieri sera aveva prenotato per noi due “dei posti speciali”. Si è raccomandato per telefono con l'agenzia. Ma il bus africano è pieno. L'autista fa cenno a qualcuno di spostarsi dietro. Escono, magicamente, dal nulla, due posti. La vegetazione lungo la strada che da Sud porta a Ovest è lussureggiante. Si incontrano file sterminate di alberi di banano, di papaya e di ananas. Tra una piantagione e l'altra si susseguono piccoli villaggi. E ogni volta la strada si trasforma in mercato. I dossi sull'asfalto costringono gli autobus a rallentare. Si fermano quasi. A ogni sosta ci sono donne, ragazzi, bambini che offrono di tutto. Vendono per poche monete prodotti locali. Vendono di tutto, papaya pulita, tagliata e pronta da mangiare in sacchetti di plastica, arachidi, bevande fatte in casa, manioca, vino di palma. Assalgono ogni auto, ogni bus che passa. Le mani sui finestrini aperti. Lo stipendio mensile di un insegnante a Douala è di 60mila franchi Cfa (franchi degli Stati del centrafrica). In provincia si guadagna meno. Un biglietto da 5mila franchi Cfa vale circa 7 euro. Questo vuol dire che un professore, la classe media diciamo, guadagna più o meno 70 euro al mese. Nel febbraio del 2008 il Cameroun per una settimana si è fermato. Bloccato dalle proteste e dalle violenze per l'aumento del costo della vita. I tassisti hanno acceso la miccia con il primo sciopero il caro greggio. Lo sciopero si è esteso alle altre categorie e ha infiammato il paese intero. Qualcuno mi ha raccontato che il presidente Biya in quei giorni era a Parigi, a fare shopping con la moglie. Nelle città principali ci furono scontri con la polizia. Violenze causate dalle bande. Ci furono morti. Il Governo parlò di 30/40 vittime. Ma in realtà i morti furono quasi 100. Poi la cosa si è fermata. “A Douala – racconta Armand – nessuno usciva di casa. C'erano le bande che saccheggiavano i negozi. Non circolavano né auto né moto”. Dopo una settimana la situazione è tornata alla normalità. “I giornalisti alla tv di stato continuavano a lanciare appelli alla pacificazione. La verità è che la gente dopo 7 giorni non aveva più cibo nelle case. Aveva fame. I negozi e i mercati hanno dovuto riaprire”. Il viaggio fino a Fontem costa 5000 Cfa. Neanche molto considerando la distanza e il tempo. Con me c'è Armand. Quindi, anche per me, tariffe africane. Ogni tanto ci sono dei posti di blocco della polizia. Bisogna dargli dei soldi per poter proseguire. Gli autisti lo sanno. Il prezzo della corruzione è compreso nel biglietto. Si fa così. E' la corruzione diventata sistema nel Cameroun di mr Biya. Me lo ha spiegato Paul a Douala: “Non è giusto perché loro sono pagati dallo Stato”. “Forse pagati troppo poco”, gli ho detto io. “Ma guadagnano sempre di più – e sono tanti – di quelli che un lavoro non ce l'hanno proprio”. Aveva ragione Paul. Il poliziotto, divisa verde e basco rosso, saluta l'autista con un cenno d'intesa e ci fa passare. (5 – segue)

L'ospite è sacro

Sul bus la musica africana della radio ci accompagna lungo tutto il viaggio. Musica a tutto volume: hip hop africano, reggae, dub, ska, comunque sempre ritmata. Tra un brano e l'altro ci sono le telefonate degli ascoltatori. La dj, in inglese, dopo una serie di risate a rimando, conclude sempre con la stessa domanda: “What's your proposal?”, che disco vuoi ascoltare?… Segue risposta. Non capisco mai il nome del cantante (i cognomi dei camerunesi sono lunghissimi e impronunciabili, li superano per complessità forse solo i malgasci)… Ma il ritmo continua. Armand ha appena finito la scuola di giornalismo a Douala. Non trova lavoro, come molti qui. E continua a studiare. Adesso si è iscritto a un corso di human resources. Spera così di avere più possibilità di trovare un posto nella divisione risorse umane di qualche azienda. Suo padre è emigrato in Germania 30 anni fa. “Ha provato a tornare qui, ma ormai, dopo tanti anni, è diventato tedesco, ha la mentalità tedesca”. Armand, senza lavoro, fa il capofamiglia. Lungo la strada si susseguono le case di mattoni e quelle di fango. Il tetto è di latta. Alcuni sono più fantasiosi, sempre di lamiera ondulata, ma hanno il tetto a cupola. Sarebbe interessante fare un reportage fotografico delle case africane o delle insegne colorate dei neDSCF2047
gozi di strada. Paese per paese. Mi spiega come funziona il sistema radiotelevisivo camerunese. A Yaoundé, la capitale, i quotidiani principali sono Cameroon tribune (giornale governativo), Le Jour e Mutation che sono indipendenti, almeno sulla carta. Altri quotidiani indipendenti, a Douala, sono Le Messager e La Nouvelle expansion. Crtv è il canale televisivo governativo. Ci sono le tv private nazionali: Stv1, Stv2, Canal 2, EquinoxTv, Ltm. Trasmettono videoclip, telenovelas brasiliane o africane e poca informazione. Quelli che hanno il satellite però vedono le news su France24 o Cnn. E poi ci sono le radio. La radio nazionale, Crtv, del governo, trasmette in onde medie e ha una stazione in Fm in ogni grande città. C'è infine una miriade sterminata di radio locali che, soprattutto nelle zone più interne, sono ancora il media più diffuso con un'importante funzione sociale per le informazioni che offrono alla popolazione. La programmazione, è dominata dalla musica. Un capitolo a parte sarebbe da scrivere per le donne africane. Belle e fiere. Madri, ragazze o madri-ragazze (ché è quasi sempre così) con 4 figli già a 25 anni. Allegre. Vitali. Sempre pronte a muoversi a passo di danza o a cantare. Un'altra cosa che vale la pena di annotare sul taccuino è l'uso della testa come “mezzo di trasporto”. Ho visto donne, ma anche uomini e bambini trasportare di tutto: carichi di legna, caschi di banane, giganteschi sacchi di farina, i panni raccolti al sole. Anche in Abruzzo, la mia regione, fino a pochi anni fa le donne nelle zone interne caricavano sul capo otri di vino, orci pieni di acqua, la sporta per andare al mercato… Le statuette che vendono come souvenir negli autogrill le raffigurano ancora oggi così. La strada allontanandosi dal litorale si inerpica verso la montagna, con tornanti continui. Il sole fa sentire la sua forza. La tropp

DSCF2045
a luce confonde i colori. Fino a un altopiano che si apre alla città di Dschang, 500mila abitanti, strade di terra battuta, l'università. Gente che vive lentamente. Ultima fermata per l'Africa urbana. Prima che cominci la giungla. L'Africa dei villaggi persi sotto i banani, i baobab e i palmeti. Dobbiamo cambiare bus e prendere un pulmino più piccolo per percorrere gli ultimi 40 chilometri di una mulattiera che qui si ostinano a chiamare strada. Il viaggio è un'avventura (letterale), scomoda e un po' comica. Su un piccolo Toyota scassato da 8 posti siamo seduti in 20. Stipati come polli in batteria. Davanti siamo in 4. Già in 3 si starebbe stretti. Io sono vicino all'autista, messo di sbieco, con il piede vicino all'accelleratore e il cambio praticamente tra le mie gambe. Ogni volta che deve mettere la seconda devo sollevare una gamba da un lato, in qualche modo. Per “the driver”, come lo chiamano tutti, non c'è problema. “No problem”. Più che un autista sembra un acrobata di un circo abituato a schivare buchi e crateri che si aprono a ogni tornante. Suona di continuo – beebee, beebee – per avvisare ed evitare di scontrarsi con qualche mototaxi o altri furgoni che potrebbero arrivare dall'altro lato. Non so dire esattamente da quale lato della strada avanzi, se a destra o a sinistra. Sarebbe più corretto dire che ondeggia tra un buco e l'altro. Non seguendo la linea più breve. Ma quella più liscia. Guidato da una specie di radar interiore. Lasciamo dietro di noi una nuvola enorme di terra rossa. E a ogni sobbalzo il tetto stracarico di valigie e di polli e di non so cosa altro vibra sulle nostre teste in un modo incredibile. Chissà se cederà sopra le nostre teste. “Quanto ci metteremo?”, gli chiedo. La risposta è secca: “Non saprei”. Poco, in ogni caso mi spiega Armand, rispetto a quando la strada durante la stagione delle piogge diventa una palude”. A un certo punto, lungo una salita, il pulmino si ferma. “The driver” prova a ingranare la prima. Niente da fare. Non ce la fa a salire: è troppo carico. Bisogna scendere e farsi un pezzo a piedi. Scendono tutti, compreso una vecchietta scheletrita dall'età indefinibile. Proovo anch'io a fare lo stesso. Ma l'autista, con mia grande sorpresa, mi impedisce di farlo: “Non puoi  scendere. Tu sei l'ospite”. Anche se non mi conosce. Anche se non sa da dove vengo né chi sono e cosa ci faccio qui. Per loro sono comunque un ospite. Comincio a capire meglio la cultura tradizionale africana. (6- segue)

Fontem, cuore d'Africa

Fontem è una lunga discesa di terra battuta, un villaggio che si apre sulla vallata verde. Tutto è verde. La vegetazione è interrotta solo dai tetti delle cassette basse, i tetti in lamiera che spuntano qua e là come tanti puntini grigi a far da contorno al verde che domina su tutte le sensazioni. Il cielo della giungla in questo periodo – qui è estate – è avvolto da una foschia umida al mattino e alla sera. Il cielo è azzurro pieno con il sole a mezzogiorno. Fa caldo, ma non come a Doaula. La temperatura è ancora sopportabile. Molti in questo posto ci hanno lasciato un pezzo di cuore. Claude, francese, fotoreporter ha vissuto a lungo qui, come missionario laico. Ora vive a Tangeri. Ma appena può torna in questa terra, non in Francia. “Da trent`anni vivo in Africa. In Europa non riesco più a stare. Qui, nella foresta tropicale e nei suoi villaggi, c'è il cuore dell'Africa”. Il cuore DSCF2121
dell'Africa è nella cultura tradizionale che in queste zone interne è ancora intatta, non ancora intaccata dall'Occidente e dal suo egoismo. Il cuore dell'Africa è il calore della gente, nella sua semplicità, il senso comunitario dell'esistenza, l'ospitalità sacra. Non hanno niente, ma il poco che hanno devono dividerlo con te. Noi, a sentire Claude, abbiamo tutto nella civiltà dei consumi ma abbiamo perso per strada il significato di questi valori che erano anche nostri almeno fino agli anni Sessanta. Siamo sempre connessi, iper tecnologici, sempre aggiornati ma sempre più soli e chiusi nei rispettivi gusci. Per conoscere nuova gente ci inontriamo su Facebook, L'amicizia passa attraverso un video di plastica. Qui ti accolgono gli odori, gli occhi, le mani e i sorrisi di una gente che è povera ma allo stesso tempo ricca. Il popolo bangwa, che abita a Fontem e in tutto il Lebialem, un`area con 300mila abitanti dispersi tra villagi nascosti sotto la vegetazione tropicale, rischiava l'estinzione decimata dalla malattia del sonno e dalla mortalità infantile. Il fon che è il loro re chiese aiuto. In questo posto i missionari non erano arrivati e non volevano venirci. Era troppo lontano da tutto. Il vescovo di allora, che si chiamava Peters, chiese aiuto a una giovane donna di Trento, Chiara Lubich, che pochi anni prima aveva fondato il movimento dei Focolari, all'avanguardia nella chiesa pre conciliare di allora e forse anche oggi per tanti aspetti. Frutto della scoperta rivoluzionaria del vangelo vissuto, giorno dopo giorno. Senza parole. Prediche o conversioni forzate, come i missionari di un tempo. I primi focolarini, medici, ingegneri, infermieri, sono arrivati a metà degli anni Sessanta. Hanno costruito un ospedale che oggi serve tutta l'area e poi il College,scuola che ospita 500 ragazzi e ragazze, dagli 11 ai 19 anni, con un sistema educativo anglosassone. Oggi la malattia del sonno non c'è più. La mortalità infantile è bassissima, ferma a percentuali occidentali. Il posto, a parte l'esotismo e la natura lussureggiante, non è granché. La sua particolarità deriva proprio dal fatto che qui convivono, condividendo molti valori, la cultura tradizionale ancora viva e un cristianesimo vissuto: l’ospitalità, il forte senso della comunità, la cordialità fraterna, la saggezza.La differenza la fa proprio la gente. Non so spiegarlo meglio. E’ un posto davvero “caldo”. Basta camminare lungo la discesa per capirlo. “Il cuore dell`Africa”. (7 – segue)

La famiglia africana

La casa di Martin è davvero sempre aperta. E' – diremmo in Italia – una specie di porto di mare. Chi arriva, come una nave, viene accolto. E diventa della famiglia, si siede a tavola come se fosse la cosa più naturale del mondo… il cuore africano. In questi giorni sono ospite a casa sua. Martin insegna culture africane all'Università a Roma. Ma è un bangwa. E la sua casa è una vera casa africana, in mezzo ad altre case africane disseminate in questo bush, sotto gli alberi tropicali. “Ho pensato – mi accoglie così – che non volessi stare da solo tutti questi giorni in una camera d'albergo ed era meglio stare in famiglia”. Così, sperimento la vita di una famiglia africana in un villaggio. In questi giorni nella casa di sono una ventina di persone. Tutti i parenti arrivati per la festa in memoria della sua madre morta qualche tempo fa, il cry die,DSCF2042 la festa per la fine del lutto. Un esercito di bambini da 0 a 8 anni, i suoi fratelli, Walter che fa il ricercatore universitario in Svezia, Richard che abita nel villaggio vicino, la sorella Genette che sta invece in una città più a Nord. e poi ci sono le mogli, i nipoti e i nipoti dei nipoti. Rachel, Sally, Deogratias, Immaculate, Genevieve, Cristine, Mauro, Rose, Carin, Quincinta, Elvis, Maura, Derilyn e Criscienza, Wise, il più piccolo, detto Cocò, che piange sempre quando mi vede. Perché ha paura. "The white man!, the white man!", dice. Il tutto è un po' caotico ma divertente. Per me, l'ospite, come era successo sul bus che mi ha portato qui, si libera magicamente l'unica stanza singola con bagno. Gli altri dormono come possono. In due-tre su un letto. Sul divano. Con i bambini da un lato, sopra o sotto. Insomma, una simpatica confusione. Mi vengono in mente le barche di disperati che arrivano a Lampedusa. Africani che non riescono a trovare lavoro, perché non esiste un lavoro anche se hai studiato, sei laureato da 5 anni e continui ancora a studiare. Non esiste. In un posto come il Camerun. Se non conosci qualcuno. Un potente. Il potente di turno legato alla casta del presidente “eterno” Paul Biya. Senza alternativa molti sono costretti a cercare fortuna all'estero. Quelli che hanno studiato continuano a farlo negli States o in Europa se riescono a ottenere una green card, un biglietto aereo, un permesso di soggiorno. Gli altri, quelli dei paesi più poveri, dal Mali, dal Niger, dal Chad, che non hanno studiato, arrivano con le barche dalla Libia verso la Sicilia o dal Marocco per la Spagna. In cerca di un lavoro. Di soldi. Dopo lunghi viaggi della disperazione attraversando deserti e città. Sperano di entrare in Europa. Per riuscire a sopravvivere, anche ai margini della società occidentale, e a far vivere la propria famiglia qui con ciò che riescono a spedire. Quello che noi Occidentali facciamo per accoglierli è esattamente il contrario della ospitalità com'è intesa nella cultura tradizionale africana. E' vero forse, come sostiene la Lega Nord, che il modo migliore di limitare gli sbarchi sarebbe quello di aiutarli a casa propria, con programmi di sviluppo dell'economia: ti dò la canna da pesca, ti insegno a pescare così puoi farlo da solo. Ma in Italia il Governo di centrodestra (e la Lega è uno dei partiti che fa parte della maggioranza) dice una cosa e ne fa un'altra. la Finanziaria appena approvata ha tagliato gli aiuti per i Paesi in via di sviluppo ai minimi da sempre. Per gli africani comunque, anche se non hanno niente, c'è sempre qualcosa da dividere. La porta, come qui, è sempre aperta. “C'è da mangiare per 5, arrivano in 10, va bene lo stesso”, dice Martin. Lui qui è un personaggio molto popolare. Molti vengono da lui, a cercarlo, per chiedergli qualcosa, un aiuto, un lavoro o semplicemente per parlare. Stamane ci sono due persone alla porta. Entrano e subito vengono a fare colazione con noi.Credo che questa esperienza di condivisione mi stia insegnando qualcosa. Un'esperienza che mi ribalta gli schemi del bravo occidentale che viene a fare qualcosa per gli africani. Chi si è arricchito da questa storia, dal contatto con questa cultura, forse sono più io che loro. (8 – segue)

Mafua Ndem Chiara

La chiamano Mafua Ndem, mamma inviata da Dio. Mafua Ndem Chiara Lubich. A lei oggi e domani il popolo bangwa dedica il Cry die, la festa per la fine del lutto. Chiara, morta nel marzo del 2008, è la fondatrice dei Focolari. Il movimento che qui, nella foresta, dagli DSCF2159 23-35-34
anni sessanta a oggi ha creato una cittadella con un ospedale, case, scuole, attività lavorative, una chiesa, dove si sperimenta una convivenza armoniosa tra cristiani e seguaci delle religioni africane tradizionali. Sono attesi oltre 10mila africani di varie tribù, autorità civili e religiose della regione, la nuova presidente dei Focolari Maria Voce (Emmaus) e il co-presidente Giancarlo Faletti, i responsabili del movimento in Africa, diffuso in quasi tutti i paesi del continente.  Sarà una festa con riti e canti e danze interminabili. Verrà inaugurata una fondazione che porta il suo nome e scoperta una statua in bronzo davanti all'ospedale.  La festa è stata voluta dal popolo bangwa, in patria e all'estero, in segno di gratitudine e per continuare a vivere l'eredità di Chiara: “Il suo ideale di solidarietà, spiritualità, condivisione non può morire”, è scritto nell'invito. Mafua Ndem Chiara con questa commemorazione verrà solennemente annoverata tra gli antenati dei bangwa e da questo momento sarà quindi degna di essere ricordata e invocata. I bangwa per l'80% sono seguaci della religione tradizionale africana. (9- segue)

La casa nella giungla

In questa zona del Camerun, nei villaggi disseminati dentro la giungla tropicale, la casa viene chiamata compound perché è composta  da più edifici. Tutti di un piano solo. La casa principale ha una stanza grande, il soggiorno, che dà sulla porta d'ingresso, dove si vive e dove si accolgono le persone. Accanto ad esso ci sono tre stanze da letto, ognuna con un piccolo bagno e un cucinino. Di solito le donne africane non cucinano qui. In ogni compound, separato dall'edificio principale c'è una casetta adibita a cucina a legna. E' la cucina tradizionale. Si riconosce perché non ha la canna fumaria ed è tutta nera dalla fuliggine, dentro e fuori, sui muri e le finestre.Il fuoco viene acceso dentro la stanza, il fumo la riempie mentre il cibo si cuoce, lentamente. E più economica da usare rispetto a quella “moderna” che è dentro casa perché non consuma gas. Il fumo viene usato per far secre e aromatizzare alcuni cibi, come la carne e il pesce. Un po' la stessa tecnica che usano i ladini in Alto Adige per fare lo speck. Così mentre cucinano il fumo invade tutta la piccola casetta e investe inevitabilmente anche chi sta dentro, le donne. Si fa fatica a respirare. Le donne cominciano a preparare i cibiDSCF2111DSCF2137
   presto al mattino. E tutti appena alzati, compresi i bambini, aiutano a risistemare la casa. A pulire per terra con una scopa lunga fatta di foglie lunghe come tanti bastoncini di legno, senza manico, foglie di un albero di cui non so il nome che ho visto nella foresta tropicale. Scopano anche fuori, sul patio che è davanti alla casa e nel terreno di fronte alla casa, di terra battuta. Nell'insieme la casa è semplice, ma quando è pulita è dignitosa. Le finestre non sono come le nostre. Non si possono chiudere, non serve farlo. Qui fa sempre caldo. Ci sono le zanzariere e delle strisce di vetro che impediscono di entrare dall'esterno ma che permettono di far passare l'aria. Dietro all'edificio principale ci sono altre casette adibite a cantine, altre docce e dei bagni aperti come delle turche, Ma non vengono usati. Accanto alla casa passa un piccolo torrente con acqua di sorgente. E l'acqua della casa arriva da una cisterna di captazione situata più in alto. La doccia è fredda. Ma ci si abitua. Non riesco a mettermi subito sotto il getto. Con il passare dei giorni ho perfezionato la tecnica. Bagno i capelli e poi i piedi. Superata l'esitazione e qualche brivido, cantando, gridando, finalmente riesco a bagnarmi tutto il corpo. Il problema è quando l'acqua non c'è. E' capitato. A un certo punto è sparita l'acqua. Aprendo i rubinetti non veniva giù niente. Neanche una goccia. Tutto il gruppo di case è rimasto senza acqua. E per due giorni non ci siamo potuti lavare. Fino a quando qualcuno non è andato alla sorgente a caricare l'acqua per la famiglia.Un secchio pieno deve bastare per lavarsi. Dalla testa ai piedi. Ci si riesce a farsi una doccia completa. Anche qui la necessità aiuta l'ingegno e in qualche modo si fa. Certo, qui capisci quanta acqua sprechiamo senza badarci. Capisci il valore di una cosa quando non ce l'hai. Provare per credere. (10 – segue)

Fufu

Scusate il ritardo. Ieri e oggi il segnale del satellite ha fatto un po' di capricci. Oggi vi parlerò della cucina e della tavola africana. L'alimentazione è basata sui prodotti locali. L'agricoltura è ricca. I pomodori sanno di pomodori e così la frutta, ananas, papaya, avocado, arance, banana, mango e poi zenzero, limone, arachidi, pistacchi. Buonissima. Si mangia riso accompagnato da salse a base di verdure o pesce, molto speziate. E si mangia il fufù, che è un po' il piatto tipico di qui, presente su tutte le tavole. Sorta di papata bianca tratta dalla manioca, cucinata lentamente al fuoco di legna, e poi disfatta fino a formare queste patate, come giganti supplì, che vengono mangiate con le mani, come pane intinte nelle salse con tutte le dita (le mani si lavano in un catino pieno d'acqua a inizio e fine pranzo). Nei villaggi non esiste la raccolta dei rifiuti. Qui gettano lungo la scarpata dietro la casa i rifiuti organici. Li ricoprono di foglie di banano secche per non sentire la puzza. Noi lo chiamiamo compost, è la stessa cosa e rende la terra fertile. I meno ordinati ci gettano anche plastica e altro, come a Napoli. Inevitabilmente l'acqua si sporca. L'unica cosa che un occidentale non deve fare quando viene in un posto come questo è bere l'acqua di sorgente. Si prendono degli attacchi di dissenteria micidiali. Allora: acqua minerale o birra, che qui costa meno dell'acqua, e che è il passatempo preferito dei camerunesi nei bar degli street market. La plastica viene bruciata. Bruciare i rifiuti è l'unico modo per “preservare” la natura. Non c'è altro modo per disfarsi dei derivati del petrolio. Le gomme, i vecchi pneumatici, li bruciano per scaldare le pietre, così e più facile romperle a mano con le mazze per trasformarle in materiale per fare le fondamenta delle case. Per fortuna i rifiuti non sono ancora molti. Non avendo soldi non ci sono tante cose da comprare (11- segue)

La sveglia del gallo

Il tempo è un altro aspetto importante della vita africana. C'è un modo di dire qui che esprime bene il concetto: "Qui non abbiamo orologi, ma abbiamo il tempo". Tutto è diluito come in bicchiere d'acqua. E' una dimensione liquida, fluida, un fiume placido. La sveglia viene data dal gallo. Alle 6 in punto qualcuno dalle case vicine batte le mani. E' il segnale. Il gallo si sveglia di soprassalto e comincia a cantare. Dietro di lui, si sente l'eco degli altri galli dei dintorni e delle colline che a loro volta gli vanno dietro. Da quel momento comincia la giornata. Ci si può alzare. Oppure si può reDSCF2125
stare ancora a letto. Sempre con un grande senso di libertà. Di solito alle 6.30 si è già tutti in piedi. Le ore del mattino sono quelle con la temperatura migliore per fare, lavorare, organizzare. Prima che arrivi la luce candida e accecante del mezzogiorno. Tutta la giornata degli africani è scandita da ritmi naturali, più lenti certo dei nostri. Ma il tempo, anche se non si guarda l'orologio, viene seguito. I bambini cominciano a giocare attorno alla casa. Le donne preparano la colazione. In questi giorni di festa la colazione è simile a un pranzo nuziale. Può durare anche due ore, dalle 8 alle 10. La particolarità di questa casa che mi ospita, l'unica cosa che la rende diversa dalle altre, è che qui nell'appartamento vicino c'è il server che assicura il collegamento a Internet, wireless, a tutta l'area. Dietro al compound c'è una enorme parabola che dalle 9 alle 17, ogni giorno, prende il segnale della rete dal satellite dell'Esa, l'ente spaziale europeo. Questo è stato reso possibile grazie a un progetto di una ong, l'Amu, finanziato dalla Regione Lazio. Il progetto prevede che tutte le scuole dell'area ricevano Internet. Grazie al fatto che esiste questo collegamento, anche se in via sperimentale, da poco più di un mese, è stato possibile pensare di organizzare una scuola di giornalismo, di web journalism, a Fontem, un posto così, lontano da tutto. Internet è una finestra sempre aperta nel mondo. Qui più che altrove. (12- segue)

Cry Die

Chiara ci ha evangelizzati. Ha salvato il nostro popolo. Ci ha aiutati a svilupparci. Per questo siamo qui a renderle grazie”, con queste parole il fon di Fontem, uno dei 9 re bangwa ha aperto le celebrazioni per il cry die, la festa per la fine del lutto che I bangwa hanno voluto dedicare a Chiara Lubich, fondatrice del movimento dei focolari (deceduta il 14 marzo 2008). A Fontem, nell'ovest del Camerun, nell'Africa dei villaggi dispersi nella foresta equatoriale, e in tutta l'area del Lebialem vivono 200mila bangwa, suddivisi in 9 regni. I bangwa sono per l'80% ancora seguaci delle religioni tradizionali africane. Qui, i focolari sono presenti dagli anni sessanta. Hanno creato una cittadella, come Loppiano, con un ospedale, una scuola – il College – che ospita 500 ragazzi dagli 11 ai 19 anni, decine di case e una chiesa parrocchiale. A Fontem si sperimenta una convivenza originale, tra cristiani e seguaci delle religioni tradizionali, accomunati dai valori del vangelo vissuto. Di quei valori che i bangwa chiamano della “fratellanza universale”.Sabato scorso nell'anfiteatro naturale di Azi, sede del palazzo del Fon, davanti a più di 5mila africani arrivati da tutto il Camerun, si è celebrata queDSCF2213
sta grande festa del popolo bangwa. Una festa. Piena di gioia. Con più di trenta di gruppi di danze, canti e maschere tradizionali che hanno continuato per ore e ore a suonare e a ballare davanti al loro popolo e alla foresta che nella loro religione considerano sacra. “Non vediamo i focolarini come stranieri, ma come membri della comunità bangwa. A Fontem avete un'altra casa in Africa”, ha detto ancora il Fon di Fontem.Nell'ultimo viaggio di Chiara a Fontem, nel 2000, i bagwa l'avevano nominata Mafua Ndem, un titolo che equivale a quello di regina inviata da Dio per questo popolo. Nella cultura tradizionale, dopo il cry die, lo spirito di Chiara continua a vivere in chi le succede. Così, la nuova presidente dei Focolari Maria Voce, Emmaus, durante la cerimonia solenne è stata riconosciuta e nominata Mafua 2. Emmaus nel suo discorso ha ricostruito la storia di Fontem e ha ricordato il patto di amore reciproco fatto dai 2 Fon con Chiara nel 2000. Patto al quale in questi giorni hanno aderito anche tutti gli altri Fon e Chief dell'area del Lebialem. Con la presidente dei Focolari erano presenti a rendere testimonianza al popolo Bangwa, anche il co-presidente Giancarlo Faletti e i responsabili del movimento di tutte le zone dell'Africa. “Maria Emmaus Voce – ha detto il Fon di Fonjumetaw, un altro dei 9 sovrani del regno di Lebialem – adesso sei tu la nostra madre. Noi ti sosteniamo. Il movimento dei Focolari è ormai parte integrante del nostro popolo. E insieme vorremmo portare avanti questo messaggio di fratellanza universale. Noi speriamo che tu possa continuare a portare avanti le cose con la stessa forza di Chiara”. (13- segue)

Scuola di giornalismo. A Fontem

Alla scuola di giornalismo si sono iscritte 30 persone. Ci sono alcuni insegnanti, di liceo e delle scuole medie, un ingegnere elettronico, tanti studenti, un pastore evangelico e alcuni giornalisti della radio locale. Lebialem radio comunity, the voice of people. L'unico media, il più ascoltato qui, che trasmette musica, informazioni locali, nazionali e internazionali e copre i principali eventi locali dell'area del Lebialem dove abitano su un territorio immenso disperso nella foresta circa 30DSCF2106
0mila persone. Radio Lrc per ora non copre tutta l'area ma presto ci riuscirà: ha appena siglato un accordo da 20 milioni di Cfa con una ong giapponese per installare una nuova antenna con un ripetitore che verrà posizionato sulla collina più alta. Dopodiché la radio che è ancora analogica raggiungerà tutti gli abitanti. Gli ho portato da Milano alcuni microfoni, un registratore, digitale, delle cuffie che mi ha regalato un collega amico di Radio24. Gli darò anche un computer, nuovo di pacca, un netbook, con il quale potranno caricare i loro notiziari sul web. DSCF2103
Stiamo pensando di creare una finestra su un blog per i tanti bangwa che sono emigrati soprattutto negli States. Attraverso la rete così potranno ascoltare le notizie della terra natìa. Oltre ai 30 studenti locali ci sono altri 3 ragazzi, tutti universitari, che vengono da Doaula e Yaoundé, Marcela, il già citato Armand, e Serge. Con loro faremo nei giorni successivi un corso avanzato di web journalism. Proveremo a scrivere e a pubblicare delle vere e proprie notizie sul sito di Africa Times News. Il sito in inglese e francese che grazie all'aiuto di alcuni amici, Carlo Tagliapietra ed Ernesto Patrizi, che lavorano con me al Sole 24 Ore, siamo riusciti a creare, nei ritagli di tempo. Con passione e nessun aiuto finanziario. La mia idea idea pazza è quella di riuscire a creare un network di giornalisti africani, una rete, fatta di persone che dai singoli paesi pubblicano le rispettive notizie del giorno. Basta una password e un minimo di abilità informatica, oltre al senso della notizia e alla velocità. Vedremo. Qui muoveremo i primi passi. (14 – segue)

Tutti reporter

Tutti reporter. Il corso di giornalismo è un corso pratico con delle lezioni di teoria e delle esercitazioni. Il primo giorno ho provato a fare una presentazione in power point sulla scrittura. Scrivere è farsi capire, questo il titolo della lezione che di solito uso nei corsi in Italia che talvolta mi chiedono di fare per le aziende. E' un corso strutturato. Ho paura sia troppo complicato. Ma loro mi sembrano ricettivi. Seguono con attenzione. Sono assetati di conoscenza. Cominciamo alle 9 del mattino fino alle 13 e poi continuiamo dalle 14 alle 16 nella sede di Lats, Lebialem association of twining schools, l'associazione che ha permesso di far arrivare Internet a Fontem, accanto alla casa africana che mi ospita. A fine giornata mi sento come svuotato. un po' perché è stancanteDSCF2109
, Un po' anche per la lingua. In Cameroun sono tutti bilingue. Colonia tedesca fino alla prima guerra. Dopo la sconfitta della Germania, le colonie passarono in mano agli inglesi e ai francesi che si divisero il territorio. Qui, a Fontem, sono anglofoni. A Douala parlano tutti francese. In ogni caso i camerunesi sono abituati a parlare in due lingue. I bangwa hanno anche la loro lingua. Una lingua madre che è un dialetto in realtà, lo parlano tra loro, ma a scuola non si studia. il sistema scolastico è anglossassone e – mi dicono – di eccellenza rispetto al resto del paese. Da qui sono usciti fuori medici, magistrati, avvocati, professori, manager, politici e preti. Insomma, parte della classe dirigente. Bizzarro confrontare la loro preparazione e la loro attenzione con lo stato in cui versa il villaggio, l'abbandono delle strade e delle case. L'assenza dello Stato.Una cosa buffa è capitata, a mia insaputa, dopo appena due giorni di scuola. George, il direttore della radio locale, ha approfittato del corso per fare proseliti per la sua DSCF2101
stazione. Il giorno prima ha fotografato tutti i partecipanti. All'indomani si è presentato con altrettanti tesserini plastificati, con tanto di foto, è la scritta PRESS in bella evidenza. Decisamente questi ragazzi hanno preso sul serio le cose che cerco di insegnargli: sono già stati assunti – e mi sembrano molto entusiasti – come collaboratori dalla “Voice of the people”. Hanno preso così sul serio questo corso che mi hanno chiesto anche di preparare un diploma con tanto di firma e timbro. Non ho avuto ancora il tempo di pensarci.Un'altra cosa simpatica è il catering. Il servizio è fornito da Mami Rose che dal primo mattino, nella cucina a legna accanto alla casa, comincia a preparare il pranzo. Un pranzo camerunese, fatto in casa, con riso, pesce e verdure e salse. Oggi la Mami ha preparato anche un piatto speciale per il professore, che sarei io: pasta. Spaghetti super scotti, in bianco. Da accompagnare a una salsa di verdure fresche e pomodoro. Neanche tanto male. A parte la cottura. Ogni pasto costa 1000 Cfa, poco più di un euro. (15 – segue)

240 etnie diverse

In Cameroun ci sono 240 etnie diverse. I caratteri somatici della gente sono diversi. Dopo un po’ che ci vivi insieme riesci a distinguerli. Alcuni sono piccoli, tarchiati hanno il viso tondo. Altri sono alti, come dei fusi. Altri ancora sono più scuri degli altri. Non è difficile incontrare gli albini, eccezione tra i neri, perseguitati in alcuni paesi dove si crede ancora alla stregoneria, dove si crede che portino sfortuna o disgrazie. Ho incontrato una suora albina, delicata nei DSCF2083
modi e nel colore della pelle e un giovane albino, più duro nell’aspetto, occhiali da sole neri e giacca alla James Dean. In ogni caso queste etnie vivono pacificamente. Dal 1960, anno in cui il Cameroun ha raggiunto l’indipendenza, fino ad oggi. Mai problemi. C’è un grande senso di tolleranza e di rispetto. I valori africani autentici sono conservati da questo popolo bangwa, per l’80% ancora legato alla religione tradizionale: l’ospitalità, il forte senso della comunità, la cordialità fraterna, la saggezza. Nell’organizzazione sociale predomina la dimensione del collettivo. Il territorio di Fontem è suddiviso in 9 “regni”, ciascuno governato da un Fon (re), affiancato dalla Mafwa (regina), sorella del Fon. A sua volta ciascun villaggio della tribù è retto da un “chief”, che insieme ad altri chief collabora al governo di tutta la tribù con il proprio Fon. Questo linguaggio “monarchico” non è proprio della cultura locale, ma è una contaminazione della colonizzazione inglese. (16 segue)

Correre nella giungla

Oggi è il primo giorno libero. Ho deciso che andrò a correre. Con Mauro Ntelah, che a dispetto del nome italiano è un ragazzo nero, più nero degli altri. Il fisico atletico che sembra scolpito nel bronzo, e lo sguardo fiero, Mauro si è offerto di accompagnarmi fin su alla cima della montagna dove ci sono le antenne dei ripetitori per i telefonini. Di due operatori che si dividono il mercato camerunese, Orange e Mts, e che sono arrivati fino qui nel cuore della foresta tropicale. Tutti hanno ormai il telefonino. Le schede si vendono nelle baracche degli street market, ovunque, anche nei posti più ameni. La corsa è per me il modo migliore da sempre per conoscere un posto. Ho corso a Berlino e in Amazzonia, a Parigi o a Budapest, a Helsinki e in Malawi. Perché a piedi ci si accorge di quello che sta intorno, si entra più lentamente e si esce nello stesso modo da un luogo, rispettandolo, rispettando i suoi tempi. In Africa è difficile vedere qualcuno correre. Tutti camminano per spostarsi da una parte all’altra. Le auto sono un lusso. I mototaxi costano. Così si va a piedi. Ed è quindi strano pensare di muoversi, di corsa per giunta, per spostarsi. Metto su le scarpe da running e un paio di pantaloncini, Mauro invece, indossa un paio di pantaloni lunghi. Mi sembra strano ma più avanti capirò perché. Cominciamo a correre e a salire. La strada sterrata all’inizio è più larga ma poi diventa una vera e propria mulattiera. Mauro mi precede. Non parla e continua a salire di passo. Io gli sto dietro – mi sto allenando per una ultramaratona, un’idea pazza lo so, che vorrei riuscire a fare nel mese di marzo. Confesso che faccio fatica. A un certo punto si apre (si chiude anzi) davanti a noi la giungla. Diventa impossibile proseguire di corsa. Le felci e le piante tropicali mai viste si stringono sul sentiero che diventa una sottile lingua di terra, in salita, interrotta dalle radici degli alberi secolari, da sassi e da ruscelli di acqua sorgiva. Lo spettacolo (perché uno spettacolo della natura è) è davvero mozzafiato, ma come al solito non ho portato con me la macchina fotografica. Comprendo però perché Mauro ha indossato i pantaloni lunghi: le mie gambe sono rosse per le reazioni della pelle al contatto con le piante. Andiamo avanti. Senza parlare. Nella contemplazione di questa natura incontaminata. Di tanto in tanto incontraiamo qualcuno che torna dal villaggio verso la sua casa, nascosta sotto la vegetazione lussureggiante della foresta. Un padre con la figlia adolescente. Lui ha un bastone di legno in mano per aiutarsi nella salità. LeDSCF2091
i ha sul capo una sacca piena di manioca. Gli sembra strano vedermi in tenuta da jogging. Lo capisco dall’esitazione dei loro sguardi. Mi salutano con un sorriso pulito e continuano a marciare. Mauro mi fa vedere le case nascoste. La casa di Nche, uno dei chief di Fontem che ieri sera era a cena a casa nostra. Il chief decisamente ieri sera ha alzato un po’ il gomito, come si dice. Aveva bevuto qualche birra di troppo. E mi chiedo come avrà fatto a tornare a casa sua fino quassù. In alcuni punti, mi spiega Mauro, qui non arriva la luce elettrica e nemmeno l’auto. Mi mostra una tana di un animale scavata dentro un albero. A ogni biforcazione, senza esitare, sceglie la strada giusta. Lui conosce ogni angolo di questa foresta. Scendiamo al guado del torrente che si apre verso una piccola pozza d’acqua. Non so se avete presente i film in bianco e nero di Tarzan. Ebbene, il panorama è lo stesso. Ma a colori e non di cartone. Dopo circa un’ora arriviamo a vedere la vetta. La prima sensazione che si ha quando si esce dalla foresta è quella di avere finalmente spazio sopra di sé e non più piante. Si vede il cielo. Proseguiamo sulla strada sterrata, passando sotto le due enormi antenne dei ripetitori telefonici. La fine del viaggio è a Letia, il palazzo del Fon di Letia, uno dei nove re della regione, che domina tutta la vallata circostante. Prima del palazzo, ci sono i tamburi per avvisare o chiamare a raccolta gli abitanti della zona. I tamburi sono costruiti con dei tronchi vuoti. Si suonano con dei bastoni di legno. E sono molto usati anche nella musica locale. Hanno di solito due dimensioni. Quelli più grandi emettono suoni profondi. Spostando poi i bastoni da un lato all’altro del tronco si riescono a ottenere note diverse, più acute o più basse. La casa è un compound classico ma più grande delle altre. Si apre a un enorme aia per così dire, vuota. Ci salutano una capretta e delle galline. Mauro senza esitazioni continua verso le case e chiama qualcuno. Nessuno risponde. Sul retro, alla fontana, seduti nella vasca vuota ci sono tre bambini. Diciamo, di un’età compresa, tra i 2 e gli 8 anni. Sono soli, i fgili del Fon. Mamma e papà sono scesi in paese. E loro sono lì, senza paura. Abituati a cavarsela ai margini della foresta tropicale. Asha, asha. Coraggio, forza ci dicono. Mauro mi mostra il panorama della valle, dall’alto. Menj, Fontem, il college, l’ospedale, la sua casa. Mi mostra anche le antenne per il collegamento Intenet wimax a tutta l’area appena installate. Sul retro del pollaio  del Fon di Letia. Ma funzionanao. In questi giorni l’ho sperimentato. Grazie a queste antenne sono riuscito a trasmettervi quasi sempre il mio diario di viaggio. Lo sguardo sulla vallata ha il sapore di un saluto e di un ringraziamento per tutto quello che ho vissuto in questi giorni, alla vigilia del ritorno a casa. (17 – segue)

Irlandesi d'Africa

In un’ipotetica storia del costume e della civiltà camerunese un capitolo, d’obbligo, di diritto, andrebbe dedicato alla birra. Il motivo per cui qui il fondamentalismo islamico non potrà mai attecchire. I camerunesi bevono sempre, sempre birra. Si potrebbero definire come “gli irlandesi d’Africa”. Si beve direttamente dalla bottiglia, una bottiglia da 0,60 centilitri, più di mezzo litro. E sui tavolini all’aperto degli improbabili baretti degli street market alla sera le vedi le bottiglie vuote, file di bottiglie vuote come tanti soldatini in fila senza più forza. I camerunesi bevono tanta birra anche perché una bottiglia di lager costa comeDSCF2043
 l’acqua minerale. Forse non a caso Guinness, maggiore produttore di stout nella terra dei trifogli, ha deciso di impiantare qui il suo stabilimento africano. La Guinness la trovi dappertutto, anche nei posti più sperduti dove non esiste neanche la strada. La birra più diffusa però è una lager, chiara, che si chiama Castel. Non è male. Solo dopo due settimane e più di vita con gli africani mi ha un po’ stancato. A volte mi viene voglia di un bel bicchiere di latte appena munto: qui il latte è solo in polvere, si beve diluito nel nescafè, nel thè o, alla peggio, nell’acqua calda. Uno straniero, un white man come me, è costretto a prendere la birra quando te la offrono. Se non la prendi ci restano male. E’ quasi un atto di scortesia. E la birra ancora è forse il motivo per il quale i camerunesi non sono mai magri nell’aspetto, tipo “sahel”. Di solito anzi sono abbastanza pienotti e gaudenti. Napoletani dalla pelle nera. Sempre pronti a ridere, a cantare o a ballare. Diversi, diversissimi, ad esempio, dai kenyani che bevono thè a tutte le ore, come gli inglesi giustappunto. Kenyani che sono più discreti, attentissimi all’etichetta e ai modi: non berrebbero mai una birra direttamente dalla bottiglia, senza un bicchiere. Guinness oltre alla birra omonima produce per il mercato africano una bibita energetica analcolica a base di malto, molto dolce, quasi impossibile da bere per il nostro gusto. A loro piace. La bevono le donne e i ragazzi, al posto della solita birra. Si chiama Malta, o qualche cosa del genere. La cosa buffa è che in Cameroun anche i musulmani bevono. Sono una minoranza ma – a quanto dicono i ben informati – si sono adattati perfettamente alle abitudini dei cattolici, dei protestanti e persino dei seguaci delle religioni tradizionali. Accomunati come sono dalle inclinazioni etiliche. I musulmani però non bevono la birra. Troppo comune. Troppo esplicita e dichiaratamente alcolica. Loro ordinano, a bassa voce, una Cola Alagy: Una cola “truccata” fatta per una parte di gin o whisky e per altre due parti di coca cola. L’etichetta è salva. L’abitudine nazionale pure. (18 – segue)

Rio dos camaroes

Il nome Cameroun lo si deve ai commercianti portoghesi. Nel 1472 le caravelle del navigatore portoghese Fernando Po gettano l’ancora alla foce del fiume Wouri, dove oggi sorge Douala, alla confluenza dell’Africa equatoriale con quella tropicale. Un fiume ricco di gamberi, e perciò denominato “Rio dos camaroes”. Lo stesso dove passa il lungo ponte con il quale si entra in città. Io sono di nuovo a Douala. Domani riparto per l’Itlaia. Il mio viaggio sta per concludersi. Torno a casa con le valige più leggere, piene solo di abiti sporchi. Tanta polvere rossa nelle scarpe. Forse cambiato. Di sicuro arricchito dal contatto ravvicinato con un mondo così diverso dal mio. A Douala città di mare, di porti, di commerci, di gente che parte e che arriva, un rumore, un suono, domain su tutti gli altri: il rombo delle moto, dei moto-taxi. Ci sono 2 milioni di abitanti e 1 milione di motociclette. Moto-taxi economici, alla portata di tutti. La casa che mi ospita, in centro, dà su una strada secondaria ma trafficata. Mi sveglia il rombo di una moto e non un gallo come a Fontem, nei villaggi della foresta equatoriale. Il rombo è continuo: mmmmm – mmmmmm – mmmmm… Perché ne passa una dietro l’altra. NelDSCF2228
 centro di Douala ci sono alcuni palazzi più alti degli altri, che qui chiamano grattacieli anche se sono di 8/10 piani. Il downtown. C’è anche una Borsa valori, la Douala stock exchange. Ci vendono le materie prime. Dietro ai grattacieli si apre il quartiere coloniale. Case basse, tondeggianti, di 2/3 piani, tipiche degli anni Trenta, in stile coloniale francese. I negozi sono del bazaar disordinati pieni di merci. Armand, il miglior studente che ho avuto alla scuola di giornalismo, assieme a Marcela di Yaoundé, mi fa da guida. E mi spiega che i negozi più grandi e moderni sono gestiti da libanesi e pachistani e arabi di Dubai. Vendono di tutto. Telefonini di ultima generazione marchiati Nokya, Samsung, tv giganti a schermo piatto. Sono imitazioni cinesi che arrivano da Dubai e non passano dall’Europa. Costano, ovviamente, meno molto meno dell’originale. Sulla strada ci sono bancarelle che vendono scarpe e magliette della nazionale di calcio del Cameroun. I leoni del Cameroun. Hanno tutte il numero 10 stampato e il nome di Eto’. Chiedono quanto costano un paio di Nike. Il ragazzo spara una cifra da turista e precisa. “Sono una vera imitazione, una imitazione originale delle Nike”. Strano. Il quartiere del mercato di Douala simiglia a quello di un’altra città del Sud del mondo, agli antipodi da qui, in America Latina. Somiglia a quello di Manaus, nel cuore dell’Amazzonia. I negozi sono simili. Manaus è forse addirittura più povera di Douala e ha un’umidit incredibile che supera il 90 per cento. Qui fa caldo. Ma vicino, oltre le case del quartiere coloniale, c’è l’Oceano. La sera arrivano la brezza e l’odore del mare. Rio dos camaroes. (19 – segue)

Ritorno a casa.

L’aeroporto di Douala, come al mio arrivo, è pieno di gente che sta lì tutto il giorno senza far niente. Aspetta. Spera. Guarda. E’ incredibile. Quante energie sprecate. Da questo si capisce quante energie buttate in un paese dove non esiste lavoro. Il mio aereo per Bruxelles parte alle 23.30. Pensavo di non trovare tanta gente allo scalo, almeno a quest’ora. E invece no: è lo specchio di un paese che non funziona, di una classe dirigente corrotta che nopn riesce a creare nessuna opportunità economica per la gente del posto. Non sanno cosa fare. Stanno qui. Sperando di recuperare qualche moneta caricando le valige di qualcuno. O semplicemente stanno qui sperando in una vita diversa. Fa molto caldo, nonostante la tarda ora. E il mio aereo è pieno come un uovo di africani che tornano in Europa a lavorare dopo le vacanze trascorse in Cameroun. Questo viaggio volge alla fine. Ma è l’inizio forse di un’avventura cominciata qui. Il sito di notizie Africa Times News nato così, per scherzo, da un’idea buttata giù così, comincia a funzionare. La rete si allarga. Ci sono I prDSCF2203
imi giornalisti in diversi Paesi che hanno cominciato ad aggiornarlo con notizie “fresche”. Chissà che non possa crescere davvero e diventare un’opportunità di lavoro per molti. Sarebbe la migliore risposta a tante domande che attraversando questo Paese sono rimaste senza una risposta. Proprio come la gente che sta qui a bivaccare. Perché non sa dove andare. Beh, è venuto il momento dei congedi. Una parte che non mi viene tanto bene. Comunque, grazie a tutti. Grazie ai lettori che mi hanno seguito dall’Italia (in questi giorni il mio blog inaspettatamente, dato l’argomento, ha avuto un record assoluto di visitatori). Grazie a tutti quelli che hanno permesso questo viaggio. Reso possibile la scuola di giornalismo. Grazie a chi ha contribuito o ha realizzato il collegamento a internet a Fontem, nel cuore della foresta equatoriale. Senza ciascuno di voi questo diario di viaggio sarebbe restato chiuso in un blocco di carta. Solo grazie, come diceva una canzone. E poi… e poi basta. Continuiamo a giocare con la vita nel posto dove siamo. Come meglio possiamo. Cameroun o Italia, poco importa. (20 – fine)

Commenti

Grazie, Riccardo.
Ho riletto il tuo reportage con la stessa emozione dei giorni in cui lo postavi da Fontem. Ho ammirato dalle foto quello che già le tue parole avevano fatto immaginare.
Continuo a seguire le notizie che pubblichi sull' Africa dal mio blog al quale sei linkato.
Un abbraccio fraterno.
Ines

E' un reportage meraviglioso! Grazie di cuore che attraverso questo tuo blog ci fai toccare con mano la vita reale del popolo africano... Chissà se le TV si svegliassero a fare dei documentari tanto interessanti quanto i tuoi reportages che aprono il cuore, la mente, l'anima su orizzonti inimmaginabili e ci arricchiscono davvero... Nel mondo unito, ci credo anch'io come quelli di Fontem e con pazienza lo raggiungeremo, specie se aiutati da gente come te. GRAZIE! Angela Punzi Roma

Grazie per questo reportage.
sono nativo del Camerun e vivo a Milano.E' sempre istruttivo vedersi attraverso gli occhi degli altri, serve anche, a parere mio per la crescita personale. Devo ammettere che ci sono realtà che neppure io conoscevo pur essendo del posto come a dire che anche noi africani sappiamo poco del nostro continente (meriterebbe un approffondimento).Continente!! se c'è un fatto che ho notato non solo nel reportage ma anche nella vita/esperienza quotidiana è che l'Africa viene sempre pensata, vista come un paese, una realtà unica. Si, è vero, molti paesi condividono gli stessi problemi guerra fame ed altro ancora ma ogni paese ha le sue peculiarità strutturali, storiche culturali che fanno si che pur soffrendo degli stessi mali non si possa parlare di realta unica. Ad esempio, ad oggi, paesi come il Mali il Burkina-Faso vengono identificati come esempi di democrazia però continuano ugualmente a vivere sotto la sgolia della poverta cosi come il Camerun a lungo al primo posto nella graduatoria dei paesi piu corotti nel mondo. Risolvere i problemi di miseria, fame, poverta in questi paesi richiederebbe approcci diversi. Inoltre si parla pocchissimo dell'altra Africa, quella lavorativa,creativa,artistica; anche in TV, in Italia sopratutto dove seppur con le miglior intenzioni, molte trasmissioni non fanno che coltivare i soliti luoghi comuni. Concludo con una battutaccia: pensate solo a come reagirebbe un italiano se venisse preso per un "suo cugino transalpino" e capirete che anche in Africa il Camerunense vorrebbe essere preso come tale. Non vuole essere una frecciata al panafricanismo che ci farrebbe più che bene cosi come l'UE ma semplicemente un richiamo all'attacamento alla patria insito penso in tutti noi. Grazie.

Tutto bellissimo....tutto da "vivere".....Vorrei fare un'espe rienza in Africa : a chi posso rivolgermi?
Sono abbonata a CITTA' Nuova , ma non trovo nessun recapito...

Sono del Cameroun e sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo reportage.
è riuscito in qualche modo a farmi ricordare con gioia e melancolia il Camerun; la sua gente, la sua atmosfera...
E soprattutto l'interpretare così bene le situazioni, i modi,le usanze dei posti visitati e renderli quali tali è il successo di questo reportage;ho riconosciuto molto delle cose descritte.
Sono d'accordo con Cedric quando dice di non presentare la realtà di un solo paese, città o paesino africano come quello di tutta l'Africa(l'esempio dei keniani bevitori di tè e noi di birra lo dice bene). Non ricordo più quante volte mi hanno chiesto cosa diceva,che ne so io, un burkinabè o un congolese! Sarebbe come chiedere a qualsiasi delle mie amiche italiane se capissero il croato,pur non avendolo mai studiato. Idem per le culture.
Grazie per il reportage

Sono del Cameroun e sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo reportage.
è riuscito in qualche modo a farmi ricordare con gioia e melancolia il Camerun; la sua gente, la sua atmosfera...
E soprattutto l'interpretare così bene le situazioni, i modi,le usanze dei posti visitati e renderli quali tali è il successo di questo reportage;ho riconosciuto molto delle cose descritte.
Sono d'accordo con Cedric quando dice di non presentare la realtà di un solo paese, città o paesino africano come quello di tutta l'Africa(l'esempio dei keniani bevitori di tè e noi di birra lo dice bene). Non ricordo più quante volte mi hanno chiesto cosa diceva,che ne so io, un burkinabè o un congolese! Sarebbe come chiedere a qualsiasi delle mie amiche italiane se capissero il croato,pur non avendolo mai studiato. Idem per le culture.
Grazie per il reportage

Ciao Rick, sono Gaetano da Penne, ho appena letto il tuo reportage sul Camerun (ho appena visto il tuo blog su Nigrizia che seguo ormai da anni, ho conosciuto Nigrizia all'epoca in cui ne era direttore Alex Zanotelli!) e, devo dire che la tua descrizione dei luoghi, delle persone e dei modi di vivere quotidiani, risponde alla realtà di molti paesi d'Africa. Ho avuto modo, attraverso la lettura di rivivere quanto da me vissuto di persona in Africa, dove sono stato già 2 volte, precisamente in Togo. Quanto da te riportato e vissuto, corrisponde alle medesime esperienze da me avute li ed oggetto di ampia documentazione fotografica da me ripresa e mostrata a Penne, come pure in altri posti (Pescara-Civitanova M.-Martina Franca-Noci) ad amici e persone interessate all'Africa. E' bellissimo il dono di ricevere il sorriso dei bambini e della gente, nonostante la povertà e le difficoltà quotidiane con cui essi si scontrano. Da simpatizzante d'Africa, ti ringrazio per quello che fai per la gente africana e posso assicurarti da parte mia che come da tempo, il mio impegno è e sarà quello di portare avanti i progetti in corso (pozzi per l'acqua, casa d'accoglienza, adozioni a distanza, etc.)per portare una goccia d'aiuto nel continente africano.
Ti abbraccio con affetto Gaetano

ciao, cercavo sull'Africa e sono capitata sul tuo diario di viaggio..mi ha emozionato la tua esperienza..grazie per avermi resa partecipe di un pezzo così intenso della tua vita.

Sarebbe come chiedere a qualsiasi delle mie amiche italiane se capissero il croato,pur non avendolo mai studiato. Idem per le culture.

E insieme vorremmo portare avanti questo messaggio di fratellanza universale.

Mi sveglia il rombo di una moto e non un gallo come a Fontem, nei villaggi della foresta equatoriale. Il rombo è continuo..

Dissertation writing takes up an enormous amount of a student's time and can take months to complete.

Vorrei fare un'espe rienza in Africa : a chi posso rivolgermi..

"I will use your essay writing services again, and leave the essay writing to the professionals."

Arrivati qui per un lavoro. Ma che tornano ancora a quella che per loro resta la casa. Anche loro come me con altrettante valigie piene di altrettante cose da lasciare lì. Il mio posto in aereo è accanto a un signore ben vestito che legge su Le Soir, le ultime notizie sull'attacco israeliano a Gaza.

Cercherò di raccontarvi, la polvere nelle scarpe, i posti e le persone che incontrerò durante queste settimane. Appuntamento a domani (Internet permettendo).

oltre le case del quartiere coloniale, c’è l’Oceano. La sera arrivano la brezza e l’odore del mare. Rio dos camaroes.

Hey how are you doing? I just wanted to stop by and say that it's been a pleasure reading your blog. I have bookmarked your website so that I can come back & read more in the future as well. plz do keep up the quality writing

e macchine utensili. Niente per caso. (2 – segue).

Io ho girato molto l africa e la mancanza di igiene che ho visto e assurdo se non e l elefantiasi sono i jiggers se no e il verme di guinea sono pieni di infestazioni

[…] Here is the original:  Africa | Reportage. Viaggio a Fontem […]

Scrivi un commento